climateactioncompact.org

Il passato è una curiosa creatura - Paolo Collo

DATA DI RILASCIO 01/06/1000
DIMENSIONE DEL FILE 5,21
ISBN 9788836812783
LINGUAGGIO ITALIANO
AUTRICE/AUTORE Paolo Collo
FORMATO: PDF EPUB MOBI
PREZZO: GRATUITA

Vuoi leggere il libro? Il passato è una curiosa creatura in formato pdf? Bella scelta! Questo libro è stato scritto dall'autore Paolo Collo. Leggere Il passato è una curiosa creatura Online è così facile ora!

Il miglior libro Il passato è una curiosa creatura pdf che troverai qui

Qual è il segreto del passato, che ce lo rende così viva e al tempo stesso "curiosa", come leggiamo nel titolo di questo libro ricavato da un verso di una bellissima poesia di Emily Dickinson? Questo su segreto è la memoria, che non significa però so tanto la sequenza dei nostri ricordi come più meno passiva eredità dal tempo trascorso, ma significa, soprattutto, il senso del nostro presente. Ed è su questo senso che s'interroga questa breve e intensa opera di Paolo Collo, cui riesce difficile attribuire un genere letterario ben definito: biografia, romanzo, poesia... In realtà, si tratta forse di un libro per così dire "involontario", scaturito da desiderio di riordinare la storia di se stessi attraverso quella della propria famiglia: mettere insieme cocci del tempo, cercare di ricucirli come sole attraverso la scrittura pare possibile. Attraversiamo dunque le diverse tappe di varie esistenze, dalla prima alla seconda guerra mondiale e oltre; e mentre il tempo si svolge, la geografia si apre, mutano i paesaggi: Torino, Parigi, Fregene, Roma... Tutto si compie velocemente, il tempo scorre con la feroce perentorietà di una locomotiva cui si tenta di rimanere agganciati: nascite, morti, amore, lavoro, vacanze, e ospedali dai vetri smerigliati e con panche di ferro. E noi lì a guardare attoniti, riconoscendo nei nostri occhi quegli stessi occhi che avevamo quando siamo venuti al mondo, ancora più spauriti, ancora più increduli.

...pprodare all'estasi o alla disperazione. Se qualcuno l'incontra disarmato, presto, gli grido, fuggi! Quelle sue munizioni arrugginite possono ancora uccidere! #unapoesiaallasettimana Emily Dickinson poesia ... "È una curiosa creatura il passato" È... - Accademia ... ... . Carlotta Micale Il Passato. È una curiosa creatura il passato Ed a guardarlo in viso Si può approdare all'estasi O alla disperazione. Se qualcuno l'incontra disarmato, Presto, gli grido, fuggi! Quelle sue munizioni arrugginite Possono ancora uccidere! Emily Elizabeth Dickinson (Amherst, 10 dicembre 1830 - Amherst, 15 maggio 1886) Acquista il libro Il passato è una curiosa creatura di Paolo Collo in offerta; lo trovi online a prezzi scontati su La Feltrinelli. "È una curiosa creatura il passato" È una curiosa creatura il passato/ ed a guardarlo in viso/ si può approdare all'estasi/ o alla disperazione. Se qualcuno l'incontra disarmato/ presto-gli grido-... ... E' una curiosa creatura il passato - Emily Dickinson ... ... . "È una curiosa creatura il passato" È una curiosa creatura il passato/ ed a guardarlo in viso/ si può approdare all'estasi/ o alla disperazione. Se qualcuno l'incontra disarmato/ presto-gli grido-... Il passato non è fatto solo di ricordi, belli o brutti che siano. Il passato è descritto come una creatura curiosa, perchè i ricordi ci possono dare gioia o ridurci alla disperazione. Emily Dickinson, in questa poesia lo descrive come un qualcosa che può sempre tornare da noi, bussando alla nostra porta. È una curiosa creatura il passato Ed a guardarlo in viso Si può approdare all'estasi O alla disperazione. Se qualcuno l'incontra disarmato, Presto, gli grido, fuggi! Quelle sue munizioni arrugginite Possono ancora uccidere! •Emily Dickinson "È una curiosa creatura il passato Ed a guardarlo in viso Si può approdare all'estasi O alla disperazione. Se qualcuno l'incontra disarmato, Presto, gli... È una curiosa creatura il passato Ed a guardarlo in viso Si può approdare all'estasi O alla disperazione. Se qualcuno l'incontra disarmato, Presto, gli grido, fuggi! Quelle sue munizioni arrugginite Possono ancora uccidere! [Emily Dickinson]...