climateactioncompact.org

Il sogno della forma. Un'idea tedesca nel Novecento di Gottfried Benn - Amelia Valtolina

DATA DI RILASCIO 23/06/2016
DIMENSIONE DEL FILE 3,65
ISBN 9788874626014
LINGUAGGIO ITALIANO
AUTRICE/AUTORE Amelia Valtolina
FORMATO: PDF EPUB MOBI
PREZZO: GRATUITA

Vuoi leggere il libro? Il sogno della forma. Un'idea tedesca nel Novecento di Gottfried Benn in formato pdf? Bella scelta! Questo libro è stato scritto dall'autore Amelia Valtolina. Leggere Il sogno della forma. Un'idea tedesca nel Novecento di Gottfried Benn Online è così facile ora!

Il miglior libro Il sogno della forma. Un'idea tedesca nel Novecento di Gottfried Benn pdf che troverai qui

Si racconta qui la storia di un'idea tedesca nel Novecento: l'idea di forma una forma non già sotto il giogo della staticità caratteristica della sua versione classica e latina, bensì una forma in perenne vicissitudine. Il libro nasce con un intento polemico contro un pregiudizio consolidato nella cultura del Novecento, e ancora in auge nel dibattito contemporaneo. A che prò, si diceva già nello scorso secolo, rimpiangere totalità ideali, quando sia l'io sia il suo pensiero hanno perduto contorni definiti, e la vita, come scriveva Theodor W. Adorno in una lettera a Thomas Mann, si è rivelata "aperta e frammentaria"? Eppure mai come nel Novecento la forma ha dimostrato il proprio potere di resistenza critica. Così, nei versi di Benn, essa diventa il medium di una polemica contro il destino dell'arte nel tempo della tecnica nonché contro la cultura del divenire storico e la sua bancarotta nella Germania nazista. Per ricostruire una simile contesa, combattuta con l'arma della forma, le riflessioni qui raccolte si confrontano con scritti e opere di altri protagonisti di quell'epoca, da Paul Hindemith a Oskar Schlemmer, che con Benn, o diversamente da Benn, pensarono il gesto artistico come gesto della forma. "Qui sono uno dell'altro ieri, o forse un rinnegato, perché dipingo come un 'classicista'", confessava Schlemmer all'amico pittore Otto Meyer-Amden in una lettera inviata dal Bauhaus nel dicembre 1925.

......