climateactioncompact.org

S'io fossi il Sole. Il diario di guerra di un soldato sardo sul fronte del Carso 1915-1918 - Antonino Tore

DATA DI RILASCIO 25/11/2014
DIMENSIONE DEL FILE 9,35
ISBN 9788891161680
LINGUAGGIO ITALIANO
AUTRICE/AUTORE Antonino Tore
FORMATO: PDF EPUB MOBI
PREZZO: GRATUITA

Vuoi leggere il libro? S'io fossi il Sole. Il diario di guerra di un soldato sardo sul fronte del Carso 1915-1918 in formato pdf? Bella scelta! Questo libro è stato scritto dall'autore Antonino Tore. Leggere S'io fossi il Sole. Il diario di guerra di un soldato sardo sul fronte del Carso 1915-1918 Online è così facile ora!

Il miglior libro S'io fossi il Sole. Il diario di guerra di un soldato sardo sul fronte del Carso 1915-1918 pdf che troverai qui

Il libro, in breve, è il diario di guerra scritto da un ragazzo appena ventenne, strappato ai suoi studi e catapultato, allo scoppio della prima guerra mondiale, in prima linea fra le trincee del Carso. Il diario contiene le annotazioni sui fatti più salienti dei giorni trascorsi in zona di guerra ma anche i pensieri, le preoccupazioni e le sofferenze di un animo sensibile in mezzo all'orrore, nel regno della morte e della distruzione. Non si tratta quindi di un romanzo ma di un susseguirsi di avvenimenti riportati cronologicamente. Dalla Carnia, proseguendo per le località toccate dal reggimento nella sua avanzata, Il diario descrive i lavori a cui erano adibiti i soldati: scavare trincee, postazioni, piazzole per i pezzi di artiglieria e la vita nelle trincee. L'autore, arruolato in artiglieria, fu addetto a varie mansioni: consegna della posta, manutenzione delle linee telefoniche e telegrafiche. Durante le pause leggeva l'unico libro che aveva con sé: La Divina Commedia, di cui studiava a memoria i canti. Racconta come più volte scampò fortunosamente alle granate, ai proiettili e alle schegge. Non tralascia, altresì, di descrivere la bellezza dei paesaggi di quei luoghi.

... 1915 l'Italia consegnata all'Austria la dichiarazione di stato di guerra, Piola Caselli il 24 maggio è già "in territorio dichiarato in istato di guerra", poi pochi mesi dopo sul Monte Javorceck si merita la medaglia d'argento al valor militare, per aver guidato il 39º Battaglione Bersaglieri; Mussolini, qualche anno dopo, in un discorso agli ufficiali ... Artigliere d'assalto. Il diario di guerra di un ufficiale ... ... ... Diario Di Guerra Di Un Caduto Sul Carso è un libro di Poli Antonio edito da Tra Le Righe Libri a gennaio 2015 - EAN 9788899141158: puoi acquistarlo sul sito HOEPLI.it, la grande libreria online. Grande Guerra, sul Carso un soldato scrive: nel 1917 voliamo la pace Nelle trincee del Brestovec, di fronte al San Michele, nel carso goriziano dove combattè Giuseppe Ungaretti, le trincee ... Artigliere d'assalto. Il diario di guerra di un ufficiale della StuG-Brigade 276 sul fronte dell'est, 1944-1945: Poche sono le memori ... Pagina autore di sergio ponti su Youcanprint.it ... .it, la grande libreria online. Grande Guerra, sul Carso un soldato scrive: nel 1917 voliamo la pace Nelle trincee del Brestovec, di fronte al San Michele, nel carso goriziano dove combattè Giuseppe Ungaretti, le trincee ... Artigliere d'assalto. Il diario di guerra di un ufficiale della StuG-Brigade 276 sul fronte dell'est, 1944-1945: Poche sono le memorie dell'artiglieria d'assalto, specialità composta quasi interamente di volontari e responsabile della distruzione di più di 30.000 mezzi corazzati avversari durante la seconda guerra mondiale.Questo diario descrive le azioni del Leutnant Alfred Regeniter ... Nel diario riporta fedelmente lo stato d'animo, le crude sofferenze della guerra di trincea, un fronte lungo migliaia di chilometri e che occupavano milioni di combattenti. La vita dei soldati al fronte è raccontata da molti autori, che, partecipando al conflitto, ne scoprono l'orrore e l'avversione, ma anche dalle molte lettere dei soldati alle famiglie. Concessione n. 192261 classe 1890 - Marrara (Ferrara) Il Ministero della Guerra Decreta Il Sergente Maggiore Passerini Albino di Pietro E' autorizzato a fregiarsi della medaglia istituita a ricordo della guerra MCMXV - MCMXVIII Roma, 30 marzo 1922 - Il ministro Pietro Lanza di Scalea «Noi in guerra con Giuseppe», sette studenti ritrovano e (ri)scrivono il diario di un soldato Il quaderno apparteneva a Giuseppe Ferri, sergente pistoiese che nel 1942 fece la campagna di Russia ... La mamma infatti era morta il 4 gennaio 1911 in una tremenda ed atroce disgrazia sul San Marco; il nostro papà, quarantaquattrenne, vedovo e con sette figli, quale suddito austriaco, era stato chiamato alle armi ed inviato al fronte, quando l'Austria, in seguito all'attentato di Sarajevo, in cui rimasero uccisi l'Arciduca Ferdinando e la consorte, nel 1914 dichiarò guerra alla Serbia....